Perché questo è il primo punto del nostro programma? Perché senza una struttura motivata, professionalmente preparata e che fa il proprio lavoro con passione, Sindaco, Assessori e Consiglieri non possono fare assolutamente nulla. Per questi fondamentali motivi il primo lavoro che ci troveremo ad affrontare sarà proprio quello di riorganizzare e ricostruire la struttura comunale che oggi, per diversi motivi, si è “svuotata” anche di figure importanti e strategiche.

Dialogo sarà la parola d’ordine: Sindaco ed Assessori avranno nuovamente un orario di ricevimento per incontrare i cittadini. Condivisione sarà il comune denominatore di tutti i punti del nostro programma. Infatti, laddove possibile, vogliamo prevedere la costituzione di tavoli di confronto, di referenti del territorio e di consulte.  Anche l’istituzione del Consiglio Comunale dei ragazzi – iniziativa illustrata nel capitolo educazione ed istruzione – rientra nell’ottica di partecipazione e trasparenza per avvicinare anche i giovani all’Amministrazione Pubblica.

Duino Aurisina è un territorio unico ma attualmente non valorizzato nel modo appropriato: ricercheremo fondi affinché si possa creare il più possibile un Comune che torni ad essere protagonista all’interno del territorio Provinciale. Iniziative come “Adotta un’aiuola” e la collaborazione con Associazioni, Comunelle, Comitati ed altre organizzazioni dei cittadini potranno essere attivate per rendere il territorio un gioiello. Qualità della vita e ambiente significa vivere in un Comune sano. 

Nella gestione dei rifiuti va premiato lo sforzo che la collettività ha compiuto per aumentare la raccolta differenziata. Proseguiremo pertanto nelle iniziative di sensibilizzazione, a partire dalle Scuole, ad effettuare la raccolta differenziata nel modo più corretto.

Sensibilizzeremo i cittadini al rispetto e alla tutela degli animali attraverso la realizzazione di un nuovo regolamento comunale per il loro benessere. Incentiveremo una necessaria opera di vigilanza sul rispetto del regolamento che già prevede sanzioni per coloro che non raccolgono le deiezioni canine: l’idea non è quella di inasprire le multe, ma di far rispettare le regole e di responsabilizzare i padroni.

La posizione privilegiata al confine tra due Stati membri dell’Unione Europea è uno dei valori aggiunti del nostro territorio.  Oggi i Comuni hanno sempre meno risorse e più competenze, perciò, oltre alla ovvia e doverosa collaborazione con tutte le realtà istituzionali quali Regione, Comuni, UTI, CCIAA, ecc., sarà quanto mai indispensabile conoscere e attingere ai fondi di finanza agevolata, europei, regionali ecc. e per questo motivo istituiremo un ufficio competente che segua le domande di contributo al fine di ottenere maggiori risorse per il nostro Comune.

Usare le risorse presenti oggi sul territorio in modo da non pregiudicare l’uso alle prossime generazioni: questa, a nostro modo di vedere, è la SOSTENIBILITÀ. Riteniamo che la pianificazione territoriale debba regolamentare l'utilizzo del territorio ed organizzare lo sviluppo delle attività umane svolte su di esso: proprio per questo coinvolge aspetti geologici, architettonici, ingegneristici e produttivi di un'area.

Una buona pianificazione deve prevedere una corretta interazione tra le attività umane e il territorio su cui esse sono svolte, per dare vita a uno sviluppo sicuro e a uno sviluppo produttivo economicamente sostenibile. Una buona pianificazione è anche un insieme di azioni programmate, volte ad affrontare e risolvere i problemi reali, attraverso delle scelte progettuali disegnate su strategie partecipative.

Negli ultimi cinque anni abbiamo visto un lento degrado di ogni frazione in particolare delle principali piazze del territorio comunale. Nonostante vi fossero i fondi a disposizione per la riqualificazione e mantenimento nulla è stato fatto. Nel verificare quali sono ancora le risorse a bilancio recuperabili, impegnandosi a ritrovare nuove risorse per progetti organici (alcuni già a disposizione dal 2012) legati al recupero dei centri urbani, vogliamo far partire le riqualificazioni della Piazza di Aurisina, di Sistiana, di Duino, del Villaggio del Pescatore ed intervenire con progettualità mirate nelle altre frazioni in particolare ad Aurisina Cave, Prepotto, Malchina, Borgo San Mauro e Ceroglie.